Vie di somministrazione

Le tecniche con cui si può somministrare l’Ozono nell’Ossigeno-Ozono Terapia sono numerose esattamente quanto sono numerose le patologie trattabili con questa tipologia di terapia. In generale possiamo distinguere:

  • null

    Somministrazione per via infiltrativa (Sottocutanea, intramuscolare, intra-articolare, periarticolare, peritendinea, perinervosa etc)

  • null

    Somministrazione tramite Auto Emo Infusione (Grande e Piccola)

  • null

    Somministrazione per Insufflazione (Anale, Vaginale, Uterina, Uretrale, Articolare)

  • null

    Somministrazione Topica ( Oli, creme etc)

  • null

    Somministrazione Idropinica (Acqua Ozonizata)

Come viene somministrato l’OZONO in medicina:

La tecnica infiltrativa di somministrazione dell’Ozono rappresenta la modalità più utilizzata per il trattamento di patologie del disco intervertebrale, di patologie degenerative artrosiche sia vertebrali che articolari, di patologie degenerative tendinee come tendiniti e tendinosi e per il trattamento, a fini estetici, della cellulite. Le tecniche infiltrative sono molteplici, ciascuna adatta a specifiche patologie.

La Grande Auto Emo Infusione consiste in un prelievo di sangue che, convogliato in un contenitore a sacca, viene trattato con una miscela di ossigeno-ozono e poi reinfuso al paziente arricchito dalla miscela.

La Piccola Auto Emo Infusione consiste in un piccolo prelievo di sangue con una siringa in cui è presente una miscela di O2-O3; dopo aver agitato per circa 20 secondi, la soluzione viene iniettata per via intramuscolare. Questa terapia determina un netto miglioramento della microcircolazione e dell’ossigenazione periferica con indicazione al trattamento delle arteriopatie, delle patologie responsabili di forti dolori come le ulcere periferiche da insufficienza venosa, le ulcere del piede diabetico, le ferite chirugiche e non chirurgiche con difficoltà alla cicatrizzazione. L’applicazione via piccola auto emo infusione è inoltre in grado di incrementare la capacità antiossidante dell’organismo, generando una sensazione di benessere e di migliore resistenza allo sforzo. L’Autoemoterapia è quindi consigliata in tutte le patologie caratterizzate da senso di stanchezza, come la fibromialgia.

L’insufflazione di Ossigeno-Ozono, ad opportuna concentrazione e quantità, consiste nell’introduzione della miscela per via rettale, vaginale o anche auricolare attraverso una micro-canula. All’interno dell’intestino, la miscela viene facilmente assorbita dalla mucosa del colon: in caso di patologie intestinali e dell’apparato digerente (colite spastica e atonica, colite ulcerosa, colon irritabile, Morbo di Crhon, colibacillosi, diverticolite e diverticolosi del colon, epatiti virali, emorroidi, ragadi, proctiti, stipsi, eczemi anali, ecc.).
Per quanto riguarda l’insufflazione a livello vaginale e uro-genitale l’ossigeno-ozono contribuisce, grazie alle sue proprietà antisettiche, a combattere e risolvere problematiche quali le infezioni batteriche o micotiche. Idem per il condotto auricolare.

L’Ossigeno Ozono Terapia applicata per via topica viene utilizzata soprattutto in ambito dermatologico e consiste nell’applicare creme, oli e lozioni ozonizzate nelle aree da trattare.

La Terapia Idropinica, invece, trova la sua applicazione attraverso l’assunzione di acqua da bere addizionata con Ossigeno-Ozono. Questo tipo di terapia è utile abbinata alle precedenti soprattutto per quanto riguarda le malattie gastrointestinali e come trattamento di benessere in generale.

Centri Specializzati

Sanithub, Società ed Associazione di promozione della salute e di consulenza in ambito sanitario collabora con il Centro Medico I Mulini di Cagliari (Selargius) ed il Centro Polimedica di Assemini sul progetto di diffusione dell’Ossigeno Ozono Terapia come pratica medica in grado di prevenire, curare ed attenuare numerose patologie.